10.8.17

“Antificu a lu diu – si si po' diri”. Catullo di nuovo in Sicilia (S.L.L.)

Ho tradotto già molti anni fa, nel mio dialetto campobellese, con una certa libertà metrica e compositiva, il carme LI di Catullo, Ille mi par esse deo videtur, a sua volta rifacimento da Saffo, secondo le tecniche dell'ars allusiva studiate da Giorgio Pasquali.
Mio fratello Cesare inserì nella canzone alcuni pezzi in latino, la musicò e ne trasse uno dei pezzi forti del nostro Cd Catullo in Sicilia. Il brano, ottimamente riarrangiato, tanto successo continua ad avere nei concerti del suo gruppo musicale “Quelked Cesare” e negli interventi che ogni tanto chiedono a Cesare di fare nelle scuole di Sicilia.
Quello che segue non è uno stravolgimento dell'antico schiribizzo, ma una sua parziale correzione, secondo me migliorativa o quanto meno più conforme ai miei gusti di oggi. Mi pare, anche, un po' più fedele al testo latino, pur mantenendo le libertà di cui sopra. Non so se le grammatiche siciliane autorizzino il “chiù miegliu” che si trova nella mia traduzione, l'uso popolare del mio paese sì. (S.L.L.)

Antificu a lu diu - si si po' diri -
chiù miegliu di li diu, mi pari chissu
ca t'è assittatu 'nfacci,
c'ascuta e passomentri ti talia,
a tia ca duci arridi e duci parli.
Sta cosa mi fa nesciri lu sensiu,
i' nenti chiù capisciu.

S'addrummisci la lingua, a picca a picca
sutta li gammi 'na vampa m'acchiana
e di 'nn'intra mi scruscinu l'auricchi;
tutt'a na botta la notti cummoglia
tutti du' l'uocchi, nun si vidi nenti.

La lagnusia, Catullu donfannenti,
guasta lu ciaravieddru,
tu va satannu, tu va straparlannu.
La lagnusia distrudi paisa:
casati e re, ca prima eranu biati,
sprieru, nun ci su' chiù.

Iddru mi pari antificu a lu diu
e 'ntantu a mia m'acchiana lu sdilliniu.

---
Carmina, LI
Ille mi par esse deo videtur,
ille, si fas est, superare divos,
qui sedens adversus identidem te
spectat et audit

dulce ridentem, misero quod omnis
eripit sensus mihi: nam simul te,
Lesbia, aspexi, nihil est super mi
......................

lingua sed torpet, tenuis sub artus
flamma demanat, sonitu suopte
tintinant aures, gemina et teguntur
lumina nocte.

Otium, Catulle, tibi molestum est:
otio exsultas nimiumque gestis:
otium et reges prius et beatas
perdidit urbes.

Nessun commento:

statistiche